.
Annunci online

  JurnalidiSicilia [ Periodicu di notizi ‘n sicilianu ]
         

 

* * * * * * * * * *

Un populu,

diventa poviru e servu,

quannu ci arrobbanu a lingua

addutata di patri:

è persu pi sempri.

(Ignazio Buttitta)

 

**********

Picchì semu ca:

- pi difenniri 'a lingua siciliana

- pi falla canusciri

- pi falla rinasciri

 **********

 

 


21 settembre 2003

'u paccu

Cu avi l’età mia (57) s’aviss’arricurdari di quannu, ni l’anni ’50 arrivavanu i pacchi di l’America mannati d’i parenti di Brooklyn. Zii, cucini, frat’i nanni, emigrati n’u 30-40, parenti chi mancu si canuscìanu o chi nun si ricurdavanu chiù. Iddi sì, si ricurdavanu di nuatri; sapianu chi la guerra avia riduttu l’Italia sutt’un marciaperi e circavano d’aiutarini.

 

‘U paccu. ‘U pustinu lassava l’avvisu e me’ patri l’ia a ritirari a la Posta. Quannu turnav’a casa, tutt‘a famigghia si riunia attornu a ‘dd’oggettu misteriusu. Oddiu! misteriusu finu a ‘n certu puntu. Di dintra ‘u paccu niscianu sempri ‘i stessi cosi: magghiuna e cammisi chi ciaravanu ‘i naftalina e chi nuddu si mittia picchì troppu ‘americani’; carameli ‘tutti frutti’ chi però nun sapianu di nenti; diari d’a scola chi nun si putianu usari picchì scritti ‘ngrisi; scarpi fora misura.

 

Eppuru, ddu ritu collettivu chi me’ matri sapia dirigiri cu abili regia, ni tinia ‘mpegnati tutt’un pomeriggiu. Ni taliavamu cu attenzioni ogni cosa, rirennu di nuatri e d’i strani gusti d’i nostri luntani parenti. Poi sarvavamu tuttu aspittannu ‘u prossimu paccu.

 

Oggi n’avemu bisognu d’i pacchi di l'America: vistiti e scarpi nun ni mancanu. Anzi semu nuatri a mannalli: a’ puvureddi di Biagio Conte o a’ kossovari e all’africani.

Semu stanchi: sazi e troppu smaliziati.

A voti mi dumannu chi cosa aviss’a purtari a’ casa pi suscitari n’i me’ figghi ‘u stissu ‘ntusiasmu, pi scatinari ‘a stissa euforia.

‘U paccu di l'America è ‘nsostituibili.

Resta n’a me’ memoria ‘nsemmula a atri ricordi, chi svegghianu intra mia ‘a nostalgia di cosi persi pi sempri: ‘i banani somali nicareddi e ciavurusissimi; ‘u pani ‘i casa chi facia me’ nanna; l’aranci sanguinelli; ‘u paninu c’a frittata.

 E, picchì no! Puru ‘u Lassa e raddoppia in biancu e nivuru di Mike Bongiorno.

 




permalink | inviato da il 21/9/2003 alle 9:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa



18 settembre 2003

I Catacombi d'i Cappuccini

Si unn'aviti mai vistu i Catacombi d'i Cappuccini e siti curiusi di canuscilli, vi segnalu 'u situ chi fici iu (cu l'aitu di mia stessu). Pi sì e pi no vi dugnu 'u collegamentu:

Le Catacombe dei Cappuccini

Facitimi sapiri chi ni pinsati.

 




permalink | inviato da il 18/9/2003 alle 17:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa



1 settembre 2003

Gibilisco di Siracusa (Sicilia - Italia)

 Giuseppe Gibilisco di Siracusa è meraglia r'oru a Parigi n'u saltu cu l'asta. Ed è 'a prima vota chi l'Italia vinci na meraglia na stù sport.

Appena aiu tempu 'è fari n'elencu di tutti 'i primi voti unni è presenti 'a Sicilia: a cuminciari d'a Targa Florio ('a prima cursa di machini su strata).

A nuatri ni futtiu Tomasi 'i Lampedusa quannu scrissi chi 'u sicilianu nun cancerà mai picchì si criri perfettu. 'A frasi è bedda, ma nun currispunni a virità. Di contra nun c'è l'eguali d'u sicilianu pi volontà di canciari, pruvari cosi novi, spirimintari. Quali perfettu? anzi, forsi, si difettu avi 'u sicilianu è chi nun avi coscienza d'i propri meriti e si criri 'nferiuri.




permalink | inviato da il 1/9/2003 alle 9:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


sfoglia     agosto        ottobre
 


Ultime cose
Il mio profilo



Lingua siciliana
Le Catacombe dei Cappuccini
Palermo e dintorni
Meusa


Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom