.
Annunci online

  JurnalidiSicilia [ Periodicu di notizi ‘n sicilianu ]
         

 

* * * * * * * * * *

Un populu,

diventa poviru e servu,

quannu ci arrobbanu a lingua

addutata di patri:

è persu pi sempri.

(Ignazio Buttitta)

 

**********

Picchì semu ca:

- pi difenniri 'a lingua siciliana

- pi falla canusciri

- pi falla rinasciri

 **********

 

 


15 ottobre 2003

Fari trasiri 'u sceccu p'a cura

 


 

 

 

Fari trasiri (n’a stadda) ‘u sceccu p’a cura, vali a diri iennu n’arreri: cosa chi l’armalu fa cu mala volontà (crianza) picchì ci veni difficili.


‘U significatu è:

Fari quacchi cosa pi forza, puru canciannu ‘i reguli e contru ‘a logica.


Traduzione p’i continentali: 


Fare entrare (nella stalla) l'asino per la coda, cioè procedendo all'indietro: il che la bestia esegue malvolentieri e con notevole difficoltà.


Significa:

Compiere un'azione a tutti i costi, anche sovvertendo le regole e contro ogni logica.


 




permalink | inviato da il 15/10/2003 alle 14:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


sfoglia     settembre        novembre
 


Ultime cose
Il mio profilo



Lingua siciliana
Le Catacombe dei Cappuccini
Palermo e dintorni
Meusa


Blog letto 164238 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom